Archivio per Categorie
Archivio per Anno

Calcolo TFR e rivalutazione maggio 2019

Il TFR (trattamento di fine rapporto) è stato cosi definito dalla legge del 25 maggio 1982 n.297,  la quale  ha modificato l’articolo 2120 c.c.,  variando il nome (in precedenza si chiamava "indennità di anzianità")  e molti aspetti della disciplina.  Dopo  tale modifica infatti sono stati anche previste importanti novità:

  • l' anticipazione di una parte degli importi  in corso di rapporto
  • la  costituzione di un fondo di garanzia contro l’insolvenza del datore di lavoro,
  • alcune disposizioni in materia pensionistica.

L'art.  2120 c.c., così  riformato, prevede che in ogni caso di cessazione del rapporto di lavoro, il prestatore ha diritto ad un trattamento di fine rapporto, indipendentemente dalla tipologia di contratto con cui  è stato assunto.  

Il trattamento viene costituito con  gli accantonamenti mensili  di quote di retribuzione da corrispondere al lavoratore e da liquidare in un’unica volta al termine del rapporto. Il diritto a questa prestazione si prescrive in 5 anni.

Il TFR ha  natura retributiva differita e previdenziale, nel senso che è volto  ad assicurare al lavoratore il sostegno economico necessario in attesa di nuova occupazione; la funzione previdenziale  è stata aggiunta successivamente,  infatti ora è prevista la possibilità di destinarlo ai c.d. fondi pensioni, integrativi della pensione pubblica.

Con la Legge di Stabilità 2015 era stata prevista la possibilità per i lavoratori dipendenti del settore privato di richiedere al proprio datore di lavoro l'erogazione in busta paga, come parte integrativa della retribuzione (Qu.I.R.), delle quote maturande del trattamento di fine rapporto (TFR). Non essendo stata prorogata da nuovi provvedimenti normativi,  la  possibilità di QUIR è cessata dal 1 luglio 2018.

Fonte: Fisco e Tasse


Stampa l'intero Speciale
Speciale del: 17/06/2019
Ultimi Speciali
◊ Crisi bancarie - Al via le istanze dopo la pubblicazione del decreto in Gazzetta 15/06/2019
◊ Il processo tributario telematico diventa obbligatorio 14/06/2019
◊ Gli acconti per le srl trasparenti 13/06/2019
◊ Sindaci e revisori srl: nuovi limiti fissati dallo Sblocca Cantieri 10/06/2019
◊ Privacy Data Breach: come fare la comunicazione 06/06/2019
◊ Ravvedimento operoso 2019: tutte le sanzioni per mettersi in regola 05/06/2019
◊ School bonus 2019: credito d'imposta per chi finanzia le scuole 05/06/2019
◊ 730/2019: chi lo deve presentare? Chi è esonerato? 05/06/2019
◊ Credito di imposta negoziazione e arbitrato:come fruirne nella dichiarazione2019 04/06/2019
◊ Esonero corrispettivi telematici 2019 03/06/2019
◊ Trust inesistenti e monitoraggio attività all'estero 31/05/2019
◊ Premi assicurazioni detraibili, dal 2019 anche quello sulla casa 30/05/2019
◊ Antiriciclaggio Compro Oro: dannose le comunicazioni oggettive da 10mila euro 29/05/2019
◊ Agriturismo: breve guida sugli aspetti fiscali 29/05/2019
◊ Assegni nucleo familiare 2018-2019: tabelle, richiesta 25/05/2019