Archivio per Categorie
Archivio per Anno

Differenze dati Iva 2021: modalità di comunicazione per l'adempimento spontaneo

Anomalie dei dati Iva 2021: le modalità di comunicazione per la promozione dell’adempimento spontaneo nei confronti dei soggetti titolari di partita IVA

Come di consueto, l'Agenzia delle Entrate ha pubblicato il Provvedimento del 15.07.2024 n. 29534 con il quale ha definito le modalità di comunicazione per promuovere l’adempimento spontaneo tra i soggetti titolari di partita IVA, mettendo in luce eventuali differenze tra i dati indicati nella dichiarazione annuale Iva relativamente al periodo d’imposta 2021 e le operazioni trasmesse telematicamente. 

Elementi e informazioni disponibili ai contribuenti

Le informazioni messe a disposizione dall'Agenzia delle Entrate ai contribuenti soggetti passivi IVA riguardano:

  1. Dati fiscali delle fatture elettroniche riferiti a cessioni di beni e prestazioni di servizi tra soggetti residenti o stabiliti in Italia e verso le Pubbliche Amministrazioni.
  2. Corrispettivi giornalieri memorizzati e trasmessi telematicamente all’Agenzia.
  3. Dati della Dichiarazione annuale IVA da cui emergono eventuali anomalie per l'anno 2021.

Modalità di comunicazione

Le informazioni vengono trasmesse al domicilio digitale dei contribuenti e sono consultabili nell’area riservata del portale dell’Agenzia delle Entrate ("Cassetto fiscale" e "Fatture e Corrispettivi"). Questi dati includono:

  • Il codice fiscale del contribuente.
  • L'anno d’imposta e il numero identificativo della comunicazione.
  • Il totale delle operazioni IVA trasmesse telematicamente.
  • Dettagli delle anomalie riscontrate e modalità per regolarizzare errori o omissioni.

Richiesta di informazioni e segnalazione di errori

I contribuenti possono richiedere ulteriori informazioni o segnalare eventuali errori tramite gli intermediari incaricati della trasmissione delle dichiarazioni, utilizzando le modalità indicate nella comunicazione ricevuta.

I dati e gli elementi raccolti sono resi disponibili alla Guardia di Finanza attraverso strumenti informatici per facilitare le attività di controllo e verifica.

Regolarizzazione degli errori

I contribuenti possono correggere errori o omissioni usufruendo delle riduzioni delle sanzioni previste dall’articolo 13 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472, in base al tempo trascorso dalla commissione delle violazioni.

Fonte: Agenzia delle Entrate


Ultime Normative
◊ Il decreto Agricoltura diventa legge: il testo coordinato con tutte le novità 14/07/2024
◊ Marchi di particolare interesse e valenza nazionale: la procedura di subentro 08/07/2024
◊ Il decreto Coesione diventa legge: il testo pubblicato in Gazzetta Ufficiale 06/07/2024
◊ Cybersicurezza e reati informatici: la legge pubblicata in Gazzetta Ufficiale 02/07/2024
◊ Compensazione crediti: i chiarimenti dell'Agenzia sulle nuove regole 01/07/2024
◊ ISA periodo d'imposta 2023: pubblicata la Circolare annuale dell'Agenzia 30/06/2024
◊ Riforma fiscale: Dlgs revisione del sistema sanzionatorio tributario pubblicato in GU 28/06/2024
◊ Bonus prima casa under 36: i chiarimenti dell'Agenzia per gli atti stipulati nel 2024 28/06/2024
◊ Maggiorazione deduzione costo assunzioni: ecco il decreto MEF 25/06/2024
◊ Posta elettronica dipendenti e Privacy: linee guida aggiornate 2024 18/06/2024
◊ Cessione di immobili interessati dal Superbonus: il trattamento fiscale delle plusvalenze 14/06/2024
◊ Concordato preventivo biennale: i passi metodologici per la formulazione della proposta 14/06/2024
◊ Dichiarazioni dei redditi 2024: prime indicazioni dell'Agenzia per contribuenti e Caf 07/06/2024
◊ Decreto Salva casa: il testo pubblicato in Gazzetta Ufficiale 29/05/2024
◊ Bonus edilizi: il decreto blocca crediti diventa legge 28/05/2024