Archivio per Categorie
Archivio per Anno

Partite IVA inattive: chiusura d'ufficio dopo tre anni di inattività

Chiusura d'ufficio delle partite IVA dei soggetti che, nei tre anni precedenti, non hanno esercitato attività di impresa, artistiche o professionali e non hanno presentato dichiarazione di cessazione

Al fine di garantire l’attuazione dell’articolo 35, comma 15-quinquies, del DPR 633/72, l'Agenzia delle entrate procede d'ufficio alla chiusura delle partite IVA dei soggetti che sulla base dei dati e degli elementi in suo possesso risultano non aver esercitato, nelle tre annualità precedenti, attività di impresa ovvero attività artistiche o professionali. Sono fatti salvi i poteri di controllo e accertamento dell’amministrazione finanziaria.

Questo quanto definito dall'Agenzia con la pubblicazione del Provvedimento del 3 dicembre 2019 n. 1415522.

Circa le modalità e i criteri di selezione delle partite Iva da chiudere, queste vengono individuate sulla base di riscontri automatizzati con le informazioni disponibili in Anagrafe Tributaria, volti a identificare i soggetti titolari di partita IVA che nelle tre annualità precedenti non hanno presentato, se dovuta, la dichiarazione IVA o dei redditi di lavoro autonomo o d’impresa.

La chiusura delle partite IVA inattive avviene in modalità centralizzata.

Per i soggetti diversi dalle persone fisiche, qualora dagli elementi registrati in Anagrafe Tributaria non emergano evidenze atte a supporre l’operatività del soggetto, si procederà contestualmente alla estinzione del codice fiscale.

A ciascun soggetto individuato come presumibilmente inattivo viene inviata una comunicazione preventiva di chiusura d’ufficio della partita IVA, mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento (AR).

Entro 60 giorni dalla ricezione, il contribuente che ravvisi elementi non considerati o valutati erroneamente, può rivolgersi ad un qualsiasi ufficio territoriale dell’Agenzia delle entrate e fornire chiarimenti circa la propria posizione fiscale di soggetto attivo ai fini IVA.

A sua volta l'Agenzia, verificate le argomentazioni e la documentazione prodotta dal contribuente, potrà archiviare la comunicazione di chiusura della partita IVA, mantenendo il soggetto in stato di attività, oppure rigettare l’istanza con motivato diniego.

Fonte: Agenzia delle Entrate


Ultime Normative
◊ Bonus Televisori e decoder: al via dal 18 dicembre 2019 19/11/2019
◊ Legge di Bilancio 2020: ecco il testo del disegno di legge 06/11/2019
◊ Testo Unico sulle successioni e donazioni 05/11/2019
◊ Lotteria degli scontrini: pronte le istruzioni dell'Agenzia 04/11/2019
◊ Antiriciclaggio: arrivano le nuove regole in Gazzetta Ufficiale 31/10/2019
◊ Incentivi per imprese di autotrasporto per il 2019: ecco i Decreti in GU 28/10/2019
◊ Codice dell'Amministrazione digitale aggiornato con le ultime modifiche 27/10/2019
◊ Ecco il testo definitivo del Decreto fiscale 2020 pubblicato in Gazzetta Uff. 27/10/2019
◊ Decreto clima in Gazzetta: le prime misure per la tutela dell’ambiente 23/10/2019
◊ Dichiarazione di successione e voltura: aggiornato il modello 22/10/2019
◊ Legge di delegazione europea 2018 pubblicata in Gazzetta ufficiale 22/10/2019
◊ Rimborso accise sul gasolio da autotrazione consumato nel 3° trimestre 2019 07/10/2019
◊ Abilitazione all'assistenza tecnica davanti alle Commissioni Tributarie 07/10/2019
◊ Ecobonus auto: pronti i codici tributo per sfruttare il credito d'imposta 24/09/2019
◊ Vendita di alcolici: integrazione della comunicazione per esercizi già avviati 23/09/2019