Archivio per Categorie
Archivio per Anno

TFR coefficiente giugno 2024, tabelle e istruzioni

Il coefficiente di rivalutazione del TFR  relativo  a giugno 2024  per le quote di  trattamento di fine rapporto  accantonate a dicembre 2023, è  1,128469.

L'indice  dei prezzi  al consumo di aprile comunicato dall'Istat, rispetto al valore di riferimento del 2015,  infatti, è risultato  pari a 119,5 punti, invariato rispetto a maggio.

Rivediamo di seguito in dettaglio cos'è, come si calcola e come viene tassato il Trattamento di Fine Rapporto.  

Nei successivi paragrafi sono forniti anche i coefficienti di rivalutazione a partire dal 2017.

TFR,  cos'è, quando spetta

Il TFR (trattamento di fine rapporto) è stato cosi definito dalla legge del 25 maggio 1982 n.297,  la quale  ha modificato l’articolo 2120 c.c.,  variando il nome (in precedenza si chiamava "indennità di anzianità")  e molti aspetti della disciplina. Sono state anche previste:
  • l' anticipazione di una parte degli importi  in corso di rapporto,
  • la  costituzione di un fondo di garanzia contro l’insolvenza del datore di lavoro,
  •  alcune disposizioni in materia pensionistica.
 L'art.  2120 c.c., così  riformato, prevede che in ogni caso di cessazione del rapporto di lavoro, il prestatore ha diritto ad un trattamento di fine rapporto, indipendentemente dalla tipologia di contratto con cui  è stato assunto.  
Il trattamento viene costituito con  gli accantonamenti mensili  di quote di retribuzione da corrispondere al lavoratore e da liquidare in un’unica volta al termine del rapporto. Il diritto a questa prestazione si prescrive in 5 anni.
 Il TFR ha  natura retributiva differita e previdenziale, nel senso che è volto  ad assicurare al lavoratore il sostegno economico necessario in attesa di nuova occupazione; la funzione previdenziale  è stata aggiunta successivamente,  infatti ora è prevista la possibilità di destinarlo ai c.d. fondi pensioni, integrativi della pensione pubblica.
Con la Legge di Stabilità 2015 era stata prevista la possibilità per i lavoratori del settore privato di richiedere al proprio datore di lavoro l'erogazione in busta paga, come parte integrativa della retribuzione (Qu.I.R.), norma  cessata dal 1 luglio 2018.
Fonte: Fisco e Tasse


Stampa l'intero Speciale
Speciale del: 16/07/2024
Ultimi Speciali
◊ Contributi alle imprese editrici con domande da ottobre 2024 12/07/2024
◊ Bonus psicologico: l'INPS pubblica le graduatorie 12/07/2024
◊ Certificazione crediti ricerca e sviluppo: Linee guida del MIMIT 10/07/2024
◊ Impianto Fotovoltaico: quando l'energia prodotta è reddito 09/07/2024
◊ Fondo turismo sostenibile: domande dal 1° luglio 02/07/2024
◊ ETF non armonizzato: la tassazione 28/06/2024
◊ Cartella notificata direttamente all'erede: per la Cassazione è valida 25/06/2024
◊ Adeguamento rimanenze magazzino: tutte le regole 2024 25/06/2024
◊ Obbligo invio telematico documenti e-DAS ed e-AD prorogato al 1° Novembre 2025 16/06/2024
◊ ETF armonizzato: la tassazione 16/06/2024
◊ Premi assicurazioni 2024 detraibili se pagati con sistemi tracciabili 07/06/2024
◊ Locazioni brevi e turistiche: come richiedere il CIN 05/06/2024
◊ ETS e concorso per artisti con disabilità: disegniamo la fortuna 05/06/2024
◊ Come rateizzare i debiti da cartelle: guida 2024 23/05/2024
◊ Quadro LM dei Forfettari nel modello Redditi PF 2024: novità e guida alla compilazione 22/05/2024